Il Lago di Nemi

Alla scoperta del Lago di Nemi sui Colli Albani. Itinerari, natura e i borghi più belli da visitare nei dintorni del lago.

Quanto è stato detto per il Lago di Albano vale anche per il Lago di Nemi. Il delicato ecosistema subisce troppo la pressione antropica anche se qui è decisamente meno forte che sul Lago di Albano. Più piccolo di quest’ultimo ha avuto anch’esso la stessa evoluzione ma si trova più in alto a 316 metri di altezza.

Dopo periodi di grande crisi ambientale sta pian piano riacquistando un certo equilibrio ma c’è ancora molto da fare soprattutto nelle opere di prevenzione. Il nome deriva dall’antichità poiché qui sia il bosco che un luogo di culto erano dedicati alla Dea Diana. Al tempo la selva prendeva il nome di “Nemus Dianae” proprio in onore della dea. Non ci sono insediamenti urbani sulle rive tranne appezzamenti di terreno agricolo e serre.

Il Museo Storico delle Navi Romane

Una delle attrazioni turistiche più rilevante è sicuramente il Museo storico delle Navi Romane. Vari tentativi vennero fatti per recuperarle. Il primo di questi fu tentato da Leon Battista Alberti alla metà del XV sec. ma vennero recuperati pochi reperti che permisero di datare l’epoca delle navi. Poi fu la volta di Francesco de Marchi nel luglio del 1535 e poi nel 1827 da Annesio Fusconi. Ma il recupero vero e proprio avvenne in epoca fascista per volontà di Mussolini. Occorsero ben 5 anni, dal 1928 al 1932 per far riemergere dalle acque del lago ciò che rimaneva delle navi. Tanto fu fatto per riportare alla luce le navi e quanto rapidamente la stupidità umana le ha distrutte. L’ipotesi più accreditata fu quella che vide i soldati tedeschi i primi e praticamente gli unici indiziati dell’incendio che distrusse le navi la notte del 31 maggio del 1944. A parte gli oggetti più preziosi molto delle navi fu irrimediabilmente perso.

Intorno ad esse si creò una leggenda che forse tutt’ora aleggia su queste acque. Le navi sarebbero state costruite da Caligola e avevano dimensioni notevoli: 70 metri di lunghezza e 25 di larghezza. L’imperatore le usava sia per simulare battaglie navali sia come palazzi galleggianti ed erano particolarmente decorate con una tecnologia davvero sorprendente per quell’epoca. In seguito alla sua morte avvenuta nel 41 d.C. il Senato di Roma decise di distruggerle anche per cancellare il ricordo del terribile imperatore. Da allora e per moltissimi anni sono rimaste celate dalle acque alimentando sempre di più la leggenda ad esse legate.

Il Lago e il borgo di Nemi

Il caratteristico e pittoresco paese di Nemi posto a 521 metri su uno sperone proteso verso il lago é un rinomato luogo di villeggiatura e, anche se non ha particolari monumenti, attrae moltissimi turisti soprattutto nel periodo primaverile ed estivo. Famose sono le fragoline di bosco di Nemi a cui è dedicata un altrettanto conosciuta sagra che si svolge ai primi di giugno di ogni anno.
Notevole è la varietà enogastronomica locale, gli angoli e gli scorci del centro storico, il panorama ampio verso il Lago di Nemi e il più lontano Agro Pontino che sono, in certi momenti, particolarmente suggestivi e romantici. Un piccolo gioiello nel cuore dei Castelli Romani che, nonostante il grande flusso turistico, ha mantenuto una dimensione umana e che riesce a regalare momenti di semplice e autentico divertimento e relax.

Informazioni Turistiche

Comune di Nemi
Piazza del Municipio, 9 – 00040 (RM)
Tel. +39 06.93.65.011
Sito Web: comunedinemi.rm.it

Comune di Genzano di Roma
Via Italo Belardi, 81 – 00045 (RM)
Tel. +39 06.93.711
Sito Web: www.comune.genzanodiroma.roma.it

Parco Regionale dei Castelli Romani
Villa Barattolo
Via Cesare Battisti, 5
00040 Rocca di Papa (RM)
Sito Web: www.parcocastelliromani.it

Superficie: 1,67 km²
Altezza: 316 m.s.l.m.
Profondità: 33 m

Cosa vedere e visitare nei dintorni del lago

Molte sono le località e i luoghi da vistare nelle vicinanze del Lago di Nemi. Menzione particolare meritano i borghi di Ariccia e Albano Laziale; Ariccia conserva vestigia storiche di notevole importanza come il maestoso Palazzo Chigi e il parco retrostante e inoltre vanta un’eccellenza gastronomica come la celebre Porchetta di Ariccia, uno dei prodotti locali più conosciuti e diffusi del Lazio e non solo.
Albano Laziale è considerato un po’ il cuore strategico della zona e nel centro storico è possibile visitare un gran numero di monumenti che vanno da i ruderi dell’anfitteatro romano, alle cattedrali fino alle ville con giardini. Infine ricordiamo che molte delle località menzionate sono inserite all’interno del Parco Regionale dei Castelli Romani, area protetta dal notevole valore ambientale per tutta l’area.

Potrebbe interessarti anche

Castelli, Rocche e Fortezze in Italia
Luoghi di culto in Italia
Strade del Vino
Città d’Arte in Italia
Aree Protette Italiane
Le Attrazioni Turistiche da non perdere in Italia

Redazione Turismo Viaggi Italia © Riproduzione vietata | Copyright