Parco Naturale Regionale di Porto Conte

Un angolo di paradiso che tutela un tratto della costa nord occidentale della Sardegna nel comune di Alghero. Scopri gli itinerari naturalistici, borghi e i luoghi più belli da vedere

Scopri il Parco Naturale Regionale di Porto Conte

Benché poco noto al turista, il Parco naturale di Porto Conte e la Riserva Marina di Capo Caccia-Isola Piana è un vero e proprio gioiello che racchiude una gamma di ecosistemi di rilevanza internazionale. Tra l’altro è stato istituito il C.E.A.MA.T (Centro di Educazione Ambientale Marino e Terrestre), che ha il compito di promuovere la cultura sulle tematiche dello sviluppo sostenibile in ambiente marino e terrestre e creare così una nuova coscienza ai problemi dell’ambiente e del mare.

Il centro si avvale di due strutture la “Casa del Parco” e un “battello attrezzato” per attraversare il tratto di mare prospiciente il Parco.
L’area protetta di Porto Conte, definita dal naturalista Jaques Costeau “uno degli angoli più belli del Mediterraneo”, è stata suddivisa in quattro zone di differente valore ambientale: Zona A, Riserva Integrale, area abbastanza limitata, che racchiude gli ambienti più selvaggi e delicati: la Zona B, Riserva naturale orientata, nella quale sono consentite solo le infrastrutture di necessità del Parco e le coltivazioni tradizionali. La terza (Zona C), Area di Protezione, in essa sono consentite le attività agricole e pastorali con metodi a basso impatto ambientale. Infine la Zona D, Area di promozione economica e sociale, dove sono consentite economie compatibili tra cui attività di turismo sostenibile.

Parco Naturale Regionale di Porto Conte in Sardegna | Turismo Viaggi Italia
Veduta della Baia di Tramariglio

I Luoghi più belli da Vedere nel Parco Naturale di Porto Conte

Tra i luoghi di una certa importanza è da segnalare tutta la costa che va da Cala del Turco a Torre al Porticciolo, la baia di Porto Conte con il Monte Doglia, le isole Foradada e Piana, il promontorio di Capo Caccia, lo stagno di Calich e il promontorio di Punta Giglio. In particolare lo stagno di Calich si presenta come una laguna allungata distante circa 400 metri dalla costa ed è lunga 2,650 chilometri, pari a un’ampiezza di 97 ettari.
Nel corso del tempo l’apporto di acque dolci è stato sempre più insufficiente provocando una predominanza di acque salmastre con conseguente modificazioni della fauna sia terrestre che marina e anche la flora. Lungo la costa si alternano zone rocciose a falesia ricche di anfratti e zone dove la costa è molto bassa e sabbiosa.

La Natura del Parco Naturale di Porto Conte

La Fauna

La fauna del Parco Naturale di Porto Conte grazie ad un ambiente dalle speciali caratteristiche geomorfologiche, ospita numerose specie animali di notevole importanza. Iniziando da una delle specie simbolo, è da citare il grifone, che per la sua imponente apertura alare è considerato tra i più grandi uccelli viventi in Italia. Una decina di coppie censite sono presenti soltanto nel comprensorio costiero e impervio tra Capo Caccia e Capo Marargiu. Seguono il falco pellegrino e in recinti allo stato brado ci sono i cavallini di Giara, daini e asini. Importante è anche la presenza dell’uccello delle tempeste, gabbiano corso e marangone dal ciuffo.

La Flora

Anche la Flora del Parco di Porto Conte è piuttosto diversificata e assume una certa importanza per la presenza di numerose specie endemiche. Naturalmente la vegetazione si è adattata alla composizione delle rocce che hanno subito fenomeni di carsismo specialmente a Capo Caccia e Punta Giglio dove vivono arbusti bassi, erbe cespugliose ed altra vegetazione tipica di un clima caldo e arido. Belle le fioriture a fiordaliso spinoso e astragalo dragante e interessanti gruppi a palma nana, l’unica palma spontanea che vive solo in alcune zone dell’Italia continentale e insulare.

Come Visitare il Parco

Azienda Speciale Parco di Porto Conte
Casa Gioiosa – Loc. Tramariglio SP55,  44
07041 Alghero (SS)
Tel. +39 079.94.50.05
Sito Web: www.algheroparks.it

Redazione Turismo Viaggi Italia © Riproduzione vietata | Copyright