Parco Regionale della Maremma

Informazioni turistiche su come visitare l’area protetta toscana. Scopri i luoghi più belli da vedere nel parco, gli itinerari naturalistici, borghi e la natura

Visita il Parco Regionale della Maremma

Il Parco Regionale  della Maremma tutela un’area di quasi 100 Kmq e comprende anche un tratto costiero della Maremma toscana che parte da Principina a Mare fino a Talamone. Il Parco Regionale della Maremma confina a Sud e Sud Ovest con il mare, sul quale si affaccia nella parte meridionale con una costa alta.

In questa zone si alternano spiagge caratterizzate da una vegetazione tipicamente mediterranea con una varietà di specie pioniere che si sono ben adattate al difficile ambiente sabbioso e salmastro del mare e che, man mano che ci si allontana, sono sostituite da specie più vicine alla macchia mediterranea.

Parco Regionale della Maremma | Turismo Viaggi Italia
Foresta del Parco della Maremma

Cosa vedere nel Parco Regionale della Maremma

I Monti dell’Uccellina

Le uniche alture che si incontrano nell’area protetta sono i Monti dell’Uccellina che insieme alla pineta di Marina di Alberese, alla Foce del fiume Ombrone e alle Paludi della Trappola formano un mosaico di ecosistemi di notevole valore biologico e naturalistico che è rimasto quasi del tutto integro nonostante l’uomo abbia apportato delle piccole modifiche nel corso del tempo.
Il Parco della Maremma si presenta come un territorio pianeggiante, specie nella parte settentrionale dove possiamo osservare un sistema di specchi d’acqua alternati a rilievi dunosi appena evidenti. La parte centrale e meridionale del Parco è dominata dai Monti dell’Uccellina, un gruppo di rilievi in parte di natura calcarea e in parte silicea culminante in corrispondenza di Poggio Lecci a 417 metri di altezza. Quasi tutte le colline che formano i Monti dell’Uccellina sono completamente coperti dalla macchia mediterranea.

La Fauna e la Flora del Parco

La fauna del Parco Regionale della Maremma è costituita da numerose specie di un certo interesse naturalistico tra cui il bovino maremmano, di mole imponente e dalle grandi corna, il cavallo maremmano, la lepre, il riccio, la volpe, il tasso, l’istrice e il cinghiale. L’avifauna è costituita dall’allodola, la cappellaccia, la ballerina bianca, il saltimpalo, la cornacchia grigia, la gazza, lo storno, il cardellino, il barbagianni, la civetta. Molte altre sono le specie presenti e qui abbiamo citato solo le più comuni.
La flora del Parco Regionale della Maremma invece è quella tipica dell’ambiente mediterraneo in cui troviamo specie come il corbezzolo, il lentisco, la lentaggine, l’erica, la quercia da sughero e poi ancora lecci, la roverella, l’Orniello ma anche di specie come il sorbo, il biancospino e l’edera.

Parco Regionale della Maremma | Turismo Viaggi Italia
La Rocca Aldobrandesca a Talamone

Gli Aspetti Storico – Architettonici

Gli aspetti storico – architettonici che donano un tocco di suggestione e fascino in più al Parco della Maremma sono le antiche torri e gli edifici religiosi. Tra quelli che sono visitabili o visibili percorrendo gli itinerari del parco sono l’abbazia di San Rabano, di cui rimangono pochi resti, le torri di Castelmarino, di Collelungo, di Cala di Forno e della Bella Marsilia. Altre testimonianze della presenza dell’uomo nel Parco della Maremma le possiamo trovare presso il borgo di Talamone, cui consigliamo una breve ma interessante visita al centro storico, e sono costituiti da alcuni ruderi di una villa d’epoca romana.

Gli Itinerari nel Parco della Maremma

Gli itinerari all’interno del parco, di cui una buona parte sono semplici e possono essere percorsi senza problemi, permettono di visitare e ammirare le bellezze del Parco della Maremma, osservando tutti gli ambienti tipici dell’area protetta immersi nelle classiche e inconfondibili atmosfere mediterranee.

Come Visitare il Parco Regionale della Maremma

Parco Regionale della Maremma
Via Bersagliere, 7/9
58010 Alberese (GR)
Tel. +39 0564.39.32.11
Sito Web: www.parco-maremma.it

Redazione Turismo Viaggi Italia © Riproduzione vietata | Copyright