Santuario della Beata Vergine dei Miracoli

Alla scoperta del maestoso santuario mariano nel cuore della città di Saronno. E’ un pregevole luogo sacro della Lombardia, scrigno di numerose quanto mirabili opere d’arte del XVI secolo.

Le Origini del Santuario

È grazie all’impegno e alla volontà della popolazione di Saronno, che nel 1498 venne costruito il Santuario della Beata Vergine dei Miracoli, il cui scopo era quello di realizzare un luogo parimenti importante per ospitare il simulacro della Madonna del Miracolo. Si tratta di una statua risalente alla seconda metà del XIV secolo e ritenuta portatrice di miracolose guarigioni.

Così il Santuario della Beata Vergine dei Miracoli si preparava a essere uno dei luoghi di culto mariano più venerati della Lombardia e scrigno di numerose opere artistiche di grande pregio e dal suggestivo impatto visivo.

I primi episodi prodigiosi legati alla statua della Madonna iniziarono già nel 1447 e molti altri ne seguirono. Sul luogo dove un tempo si trovava una cappella chiamata “del Miracolo”, iniziarono i lavori per edificare il Santuario della Beata Vergine dei Miracoli. Accanto al santuario fu costruita la casa dei “deputati” e pochi anni dopo venne edificato il campanile, alto ben 47 metri, ed è stato preso come esempio architettonico per realizzarne degli altri sul territorio lombardo grazie alla sua elegante bellezza.

Santuario della Beata Vergine dei Miracoli a Saronno | Turismo Viaggi Italia
Il Santuario della Beata Vergine dei Miracoli

Visita il Santuario della Beata Vergine dei Miracoli

Gli Affreschi

Il vero tesoro del Santuario della Beata Vergine dei Miracoli sono le straordinarie opere d’arte che in essa sono custodite. Si possono ammirare gli splendidi affreschi di Bernardino Luini che decorò le pareti dell’abside, del presbiterio, dell’antipresbiterio e di quelle sottostanti la cupola. Sue sono anche le figure sulla volta della cappella del Cenacolo e una Natività posta nel chiostro.
Nell’antipresbiterio sono presenti le scene dello Sposalizio della Vergine e di Gesù tra i Dottori; nel presbiterio sono raffigurati l’Adorazione dei Magi e la Presentazione di Gesù al Tempio e si possono considerare le maggiori opere eseguite a fresco dall’artista.

Il “Concerto degli Angeli”

Altre rappresentazioni pittoriche di pregio sono quelle realizzate dal successore di Luini ovvero Gaudenzio Ferrari che, non da meno, creò l’affresco chiamato ”Il Concerto degli Angeli”. Questa è una rappresentazione del Paradiso dove un considerevole e mirabile numero di angeli dalle vesti fluttuanti e coloratissime sono disposti su quattro cerchi concentrici. In quello superiore si osservano piccoli angeli senza vesti splendenti di luce il cui sguardo è rivolto verso il Padre, posto al centro della cupola. Il cerchio sottostante mostra il concerto vero e proprio con gli angeli cantori e angeli intenti a far musica. Essi compongono la più variegata orchestra di strumenti a corda, a fiato e a percussione che mai sia stata dipinta

Le Statue

Da ammirare sono anche le meravigliose statue lignee di Andrea da Milano. Una delle sue maggiori opere la troviamo esposta nella cappella di sinistra dove è stato rappresentato il Cenacolo risalente al 1531. Suggestivo e indimenticabile il suo impatto visivo grazie alla forze delle ambientazioni create con gli apostoli colti nel momento in cui Gesù dichiara che verrà presto tradito.

Nella cappella di destra troviamo la raffigurazione del Compianto sul Cristo. Altre opere scultoree le possiamo osservare visitando la chiesa del Santuario della Beata Vergine dei Miracoli come le statue delle Sante Lucia, Agata, Maria Maddalena, Liberata, Marta e quella di San Giovanni poste nell’abside con i busti di Re Davide, Salomone, Abacuc e Isaia.

Informazioni Turistiche

Santuario della Beata Vergine dei Miracoli
Piazza Santuario, 1
21047 Saronno (VA)
Tel. +39 02.96.0.30.27
Fax +39 02.96.05.089
Sito Web: www.santuariodisaronno.it

Orari, Prezzi e Giorni di Visita

Ingresso Gratuito e libero (Informarsi preventivamente sui giorni e gli orari di apertura)

Redazione Turismo Viaggi Italia © Riproduzione vietata | Copyright