Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena

Guida turistica su come visitare l’area protetta sarda. Scopri i luoghi più belli da vedere, gli itinerari naturalistici, la natura e i borghi

Ambiente e Territorio

Istituito nel 1994, il Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena è un sito di interesse comunitario (SIC) ed è formato da una miriade di isole, isolotti, scogli, delle quali molte sono note a livello internazionale. Se ne contano 62, battute dai forti venti e dalle correnti marine delle Bocche di Bonifacio, e fanno sfoggio di strane e curiose forme di rocce che la natura ha modellato in migliaia di anni. La più caratteristica è l’isola di Razzoli che colpisce per le rocce sulle sue coste a scogliera con strane forme simili a sculture.

A esse si aggiungono i colori di un mare limpido e cristallino. Il parco è costituito per un quarto dall’area terrestre e per tre quarti dall’area marina. Tra l’altro il Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena e quello dell’Arcipelago Toscano, sono gli unici due parchi che sono costituiti da una parte di terra e una più consistente parte marina. Anche gli ambienti che si sono evoluti sulle isole, pur avendo una matrice comune, hanno una diversità di alto interesse bio-ecologico.

Cosa vedere e come visitare il Parco Nazionale di La Maddalena | Turismo Viaggi Italia
Spiaggia di Cala Coticcio sull'Isola di Caprera

La Flora

Anche la fauna del Parco Nazionale di La Maddalena è rappresentata da numerose specie delle quali alcune molto interessanti soprattutto gli uccelli marini nidificanti in quanto le isole si trovano alle porte della Corsica e rappresentano un ponte per i migratori che salgono dall’Africa. Utile accennare alla presenza del Marangone dal ciuffo, la Berta maggiore, il Gabbiano corso e il Falco pellegrino. Ma il tesoro più prezioso è nei fondali marini dove vivono centinaia di organismi, tra cui gorgonie e coralli, che mettono in mostra tutti i loro colori.

La Fauna

La fauna del Parco Naturale di Porto Conte grazie ad un ambiente dalle speciali caratteristiche geomorfologiche, ospita numerose specie animali di notevole importanza. Iniziando da una delle specie simbolo, è da citare il grifone, che per la sua imponente apertura alare è considerato tra i più grandi uccelli viventi in Italia. Una decina di coppie censite sono presenti soltanto nel comprensorio costiero e impervio tra Capo Caccia e Capo Marargiu. Seguono il falco pellegrino e in recinti allo stato brado ci sono i cavallini di Giara, daini e asini. Importante è anche la presenza dell’uccello delle tempeste, gabbiano corso e marangone dal ciuffo.

Il Mare e le Spiagge

L’Arcipelago de La Maddalena non ha subito negli ultimi decenni la trasformazione a danno degli ecosistemi naturali per favorire il turismo. Esclusa l’isola principale nella quale c’è il centro abitato de La Maddalena, tutta l’area (coste incluse) ha mantenuto la sua originaria naturalità specie nelle isole di Razzoli, Spargi, Budelli, Nibani e Barrettini. Nei suoi 180 chilometri di costa sono presenti alcuni tratti molto suggestivi per la presenza di alcune spiagge più celebri del Mediterraneo. Segnaliamo in particolare Cala Coticchio e del Relitto a Caprera, la Spiaggia Rosa di Budelli, Cala Corsara e Granara a Spargi. Tutto questo integrato nel mare dai colori stupendi che lo hanno reso famoso in tutto il mondo come ad esempio Cala Corsara e Santa Maria, Cala Lunga di Razzoli, ecc. Il mare limpido con i suoi colori che vanno dal blu all’azzurro allo smeraldo danno un stupendo tocco finale a tutto il paesaggio.

I Luoghi più Belli da Vedere nel Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena

Un cenno a parte va fatto per le cave di granito specie quello migliore a La Maddalena nella Cava Francese. L’estrazione e la lavorazione di questa roccia ha dato il via a una produzione di manufatti di altissima professionalità, esportati in tutto il mondo.
Il lato culturale dell’arcipelago è ricco di monumenti, fortificazioni, chiese come ad esempio la piccola Chiesa della SS. Trinità costruita totalmente in granito agli inizi del 1768. A La Maddalena si trova la Guardia Vecchia, il Forte Piemontese dei Colmi e il Museo dell’Archeologia Navale. Una delle fortificazioni più interessanti sorge a Spargi e precisamente a Punta Zanotto detta Batteria Rubin Cervin. A Caprera una visita merita il Compendio Garibaldino dove sono conservate le proprietà di Giuseppe Garibaldi.

Cosa vedere e come visitare il Parco Nazionale di La Maddalena | Turismo Viaggi Italia
Porto della Madonna - Cala Coticcio

Il Magico Fascino del Parco

Un giro con una imbarcazione idonea, consente di ammirare l’arcipelago della Maddalena dal mare partendo da Cala Gavetta a La Maddalena senza non aver visitato il centro storico con strade e stradine in salita tra le ottocentesche case che offrono scorci dell’abitato veramente suggestivi.
Presa la navigazione si giunge a Cala Corsara sull’isola di Spargi. Qui è la più bella e caratteristica spiaggia dell’arcipelago della Maddalena per la sua conformazione a semicerchio. Si prosegue per la Spiaggia Rosa di Budelli per ammirare e “non toccare” la sua inconfondibile sabbia. Il viaggio può terminare sull’Isola di Santa Maria approdando al Porto della Madonna e poi a Cala Santa Maria.

Informazioni Turistiche

Parco Nazionale dell’Arcipelago della Maddalena
Sede: Via Giulio Cesare, 7 – 07024 La Maddalena (OT)
Centralino e Ufficio informazioni
Tel. +39 0789.79.02.11
Sito Web: www.lamaddalenapark.it

Redazione Turismo Viaggi Italia © Riproduzione vietata | Copyright